Per il nostro territorio, un progetto di Responsabilità Sociale

Per il nostro territorio, un progetto di Responsabilità Sociale

News Visite: 828

Da oltre cento anni, il nostro Servizio di soccorso preospedaliero fornisce cure sanitarie d’urgenza ai cittadini del Mendrisiotto.

Una storia iniziata a Chiasso intorno ai primi anni dieci del secolo scorso, quando i mezzi per trasportare feriti e ammalati erano lettighe trainate da cavalli (ne è un esempio la mitica carrozza “Trinci”, ancora ben conservata presso i magazzini comunali di Chiasso), muscoli e buona volontà di uomini capaci e volonterosi.

Oggi il Servizio Autoambulanza del Mendrisiotto (SAM) garantisce la stessa buona volontà di allora, unità a competenze elevate, strumenti e tecnologia di ultima generazione a tutto vantaggio di cure d’urgenza di alto standard qualitativo, fornite alla popolazione momò, 24h/24 per 365 giorni all’anno. Il SAM è oggi una moderna Associazione che ha saputo integrare nei propri intenti e statuti, altri Servizi, per poter garantire un’offerta non solo di cure d’urgenza ma di natura sociosanitaria, strutturata e in partenariato con gli atri attori della Rete Socio-Sanitaria momò. Sono di esempio, il Servizio Trasferimento Anziani e Disabili, nato da una collaborazione con AMA (Associazione Mendrisiotto Anziani) e ACD (Assistenza e Cura a Domicilio del Mendrisiotto e Basso Ceresio) e la collaborazione con l’Organizzazione Socio Psichiatrica Cantonale per gli interventi urgenti di ambito psico-sociale. Sempre attento ai bisogni della popolazione, il SAM ha inoltre ridisegnato l’offerta didattica anche verso la popolazione attraverso l’implementazione di diverse tipologie di corsi territoriali sia per le Aziende, sia per i privati, non dimenticando le scuole di ogni ordine e grado della nostra Regione. Obiettivi primari sono il sensibilizzare la popolazione e il divulgare il più possibile la conoscenza delle manovre salvavita alla cittadinanza. Sappiamo che sono pochissimi i minuti entro i quali occorre iniziare una rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione precoce in caso di arresto cardiaco.

La recente integrazione del Servizio Medico Dentario Regionale nell’Associazione SAM incrementa la nostra connotazione quale “Centro di Salute” della nostra regione.

Il SAM cerca inoltre di arginare le lacune della Legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal), che prevede solo un rimborso del 50% delle spese preospedaliere, e solo una volta all’anno. Sottoscrivendo una quota annuale di donatore, il cittadino ottiene un’importante agevolazione, qualora necessitasse dell’intervento di un’ambulanza.

La recente pandemia ha altresì messo in luce l’importanza di poter avere nel Cantone strutture sanitarie efficienti e all’avanguardia, in grado di collaborare fra loro e con una visione futura ben delineata. Ha accelerato processi di cambiamento lasciando intravedere nuovi possibili scenari, come nel campo della telemedicina, della realtà virtuale e aumentata e nella collaborazione sovraregionale dei singoli servizi.

Per tutto ciò, ci permettiamo chiedere un sostegno a tutte le aziende e fondazioni del Mendrisiotto, che, in base alle specifiche strategie operative, può concretizzarsi in un contributo libero ovvero attraverso il finanziamento, totale o parziale e/o l’acquisto diretto di uno dei presidi sanitari che il nostro team di soccorso utilizza quotidianamente negli interventi d’urgenza come barelle, zaini di soccorso, defibrillatori, dispositivi di protezione individuali o altro per fasce di prezzo estremamente differenziate sulla base del vostro volere.

Se richiesto, possiamo inoltre dedicare alle aziende uno spazio sulla nostra rivista InfoSAM, distribuita gratuitamente ogni sei mesi a tutti i fuochi del Mendrisiotto.

Qui di seguito il nostro riferimento per un eventuale versamento diretto:

Conto PostFinance IBAN CH85 0900 0000 6922 1205 3 Clearing 9000 BIC POFICHBEXXX.

La Direzione è a vostra disposizione qualora voleste contattarci (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Un grazie di cuore, da parte di tutti noi e dell'intera popolazione momò, per quanto potrete fare a sostegno della nostra missione.

Stampa